Lingua e Patria

    Condividi
    avatar
    Ishramit
    Moderatore

    Maschio Numero di messaggi : 508
    Età : 25
    Localizzazione : Ancona
    Occupazione : Studente-Scout d'Europa
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 22.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Lingua e Patria

    Messaggio Da Ishramit il Lun Mar 31, 2008 2:24 pm

    In giro si sentono sempre più persone Italiane parlare lingue come, ad esempio, l'inglese.
    La domanda è, cosa ci trovano queste persone?
    Dal mio punto di vista l'inglese è una lingua: povera, grezza, elementare e del tutto priva di cultura...
    Essa merita di essere studiata solo per la sua rilevanza sociale e commerciale.
    Quindi perchè scegliere di esprime4si in quella lingua pur conoscendo la grande eredità giuntaci dalla nostra lingua? Lingua che rappresenta l'evoluzione del latino mentre l'inglese è l'esempio della regressione dello stesso avendone abbandonato la grammatica pur conservandone i vocaboli.


    Ora vorrei parlare anche di un'altro argomento...

    Voi conoscete veramente il vostro paese? Lo amate?
    Pongo questa domanda dato lo scarso interesse di molti italiani per la loro patria, fatto che trapare dall'attuale situazione economica e sociale.
    Molti italiani, a quanto pare, fanno di tutto per non compiere il loro dovere, e questo abbassamente del tenore di vita è dovuto a loro, gli stessi che adesso piangono sul latte versato.
    Inoltre si va ad aggiungere l'ignoranza della storia recente di questo paese.
    A nessuno viene mai in mente quanto sangue fu versato per far in modo che noi non continuassimo ad essere, come disse Mameli, "Calpesti e derisi perchè non siam popolo, perchè siam divisi"?
    E, credetemi, ancora lo siamo.
    Quanti di voi conoscono i significati del tricolore italiano?
    Anche se spero che tutti voi li conosciate li riporto qui.

    I significato: fisico
    Verde: l'erba sui prati
    Bianco: la neve sui monti
    Rosso: le tegole dei tetti

    II significato: ideologico
    Verde: Speranza
    Bianco: Purezza
    Rosso: il Sangue dei martiri morti per la patria

    Spero che questa discussione vi sia d'aiuto...
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Dark Sertum il Lun Mar 31, 2008 10:08 pm

    Dal mio punto di vista l'inglese è utile, ma se rapportato alla nostra lingua non posso che riconoscergli unicamente questo merito.
    Poi ci sono caratteristiche esclusivamente soggettive, come il poter trovare l'inglese una lingua piacevole da sentire e pronunciare. Ma per l'oggettività, che poi è quella che ci riguarda tutti, fondamentalmente hai ragione tu dicendo che non sia una lingua poi così "nobile".
    E tutto sommato fa rabbia anche a me che spesso se ne faccia un utilizzo eccessivo, ma non è una questione poi così tanto drammatica.

    Per quello che dici dell'Italia non posso che esser d'accordo con te. Ovviamente è divisa. Io stesso per quanto unito alla mia nazione potrei tendere a privileggiare altre realtà come quella in cui son nato. Dopotutto forse è anche normale. Anormale è quando ci si scorda di questo collegamento che ci rende tutti italiani e si va contro il già parecchio fragile sentimento nazionalistico italiano.
    E questo è un problema più forte di quello a cui hai fatto riferimento iniziamente, ma onestamente non vedo soluzioni se non l'utilizzo di una politica sempre più intenzionata a valorizzare la nostra patria in tutte le regioni d'Italia alla stessa maniera.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    Vercingetorix
    Cavaliere

    Maschio Numero di messaggi : 468
    Età : 23
    Localizzazione : Afragola, Napoli
    Occupazione : Studente, Goth con sfumature punk.
    Umore : Buono.
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 08.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Vercingetorix il Lun Mar 31, 2008 10:30 pm

    Sono un Purista, pertanto, utilizzo un linguaggio puro.
    Successivamente, citerò voi, le origini di tale Movimento Culturale:

    PURISMO:
    Il purismo, nasce, esordialmente, come Movimento Politico. La sua nascita risale all'anno 1881.
    Fine per cui è svoltosi tale Partito Politico, è rendere "pura" il linguaggio di ceppo Latino-Greco. Pertanto, le espressioni linguistiche utilizzate sono affibiate al linguaggio Toscano tipicamente Trecentesco.
    Principale esponente di tale Partito Politico fu Luigi Moselli.

    L'utilizzo di un linguaggio ignaro circa l'Italiano presente due principali caratteristiche:
    -La comprensione mondiale, seppur superflua e mediocre, di un esponente;
    -La violazione dei canoni linguistici posti da Tale movimento Politico.
    avatar
    Ishramit
    Moderatore

    Maschio Numero di messaggi : 508
    Età : 25
    Localizzazione : Ancona
    Occupazione : Studente-Scout d'Europa
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 22.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Ishramit il Lun Mar 31, 2008 10:55 pm

    Dark Sertum ha scritto:Dal mio punto di vista l'inglese è utile, ma se rapportato alla nostra lingua non posso che riconoscergli unicamente questo merito.
    Poi ci sono caratteristiche esclusivamente soggettive, come il poter trovare l'inglese una lingua piacevole da sentire e pronunciare. Ma per l'oggettività, che poi è quella che ci riguarda tutti, fondamentalmente hai ragione tu dicendo che non sia una lingua poi così "nobile".
    E tutto sommato fa rabbia anche a me che spesso se ne faccia un utilizzo eccessivo, ma non è una questione poi così tanto drammatica.

    Per quello che dici dell'Italia non posso che esser d'accordo con te. Ovviamente è divisa. Io stesso per quanto unito alla mia nazione potrei tendere a privileggiare altre realtà come quella in cui son nato. Dopotutto forse è anche normale. Anormale è quando ci si scorda di questo collegamento che ci rende tutti italiani e si va contro il già parecchio fragile sentimento nazionalistico italiano.
    E questo è un problema più forte di quello a cui hai fatto riferimento iniziamente, ma onestamente non vedo soluzioni se non l'utilizzo di una politica sempre più intenzionata a valorizzare la nostra patria in tutte le regioni d'Italia alla stessa maniera.

    purtroppo però il nazionalismo, in Italia, sono vietati da un piccolo e subdolo articolo della costituzione. Ma, a mio parere, il nazionalismo è ed è sempre stato l'unico modo per far andare avanti questo paese, fatto che la storia ha riconfermato più volte...
    avatar
    Vercingetorix
    Cavaliere

    Maschio Numero di messaggi : 468
    Età : 23
    Localizzazione : Afragola, Napoli
    Occupazione : Studente, Goth con sfumature punk.
    Umore : Buono.
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 08.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Vercingetorix il Lun Mar 31, 2008 11:00 pm

    Ritengo,una soluzione circa la situazione Politico-Sociale concerne l'Italia, l'adozione di una Politica la quale abolisca, definitivamente, i seguenti attributi:
    -Antisemitismo;
    -Xenofobia;
    -Omofobia.
    avatar
    boromir
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 141
    Età : 27
    Localizzazione : Sassari
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.Paulus
    Data d'iscrizione : 10.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da boromir il Lun Mar 31, 2008 11:21 pm

    Credo che il ''subdolo'' articolo sia una cosa abbastanza valida(per inciso non vieta il nazionalismo ma un'altra cosa),dato che cerca di evitare cio' che accadde non molto tempo fa'.Poi non vedo con precisione quando la storia abbia mostrato che il nazionalismo ha fatto progredire l'Italia.


    _________________
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Dark Sertum il Lun Mar 31, 2008 11:32 pm

    boromir ha scritto:Poi non vedo con precisione quando la storia abbia mostrato che il nazionalismo ha fatto progredire l'Italia.

    Fatta eccezione per l'epoca medievale penso che il nazionalismo abbia sempre portato del bene all'Italia. Tranne forse nell'epoca fascista, ma anche in quel caso sotto il punto di vista che stiamo analizzando - ovvero dell'unità effettiva dell'Italia - forse abbiamo avuto dei risultati discreti.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    boromir
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 141
    Età : 27
    Localizzazione : Sassari
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.Paulus
    Data d'iscrizione : 10.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da boromir il Mar Apr 01, 2008 12:05 am

    Unita' nazionale a costi enormi (di liberta' e democrazia).Non credo sia nè sensato nè giusto.


    _________________
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Dark Sertum il Mar Apr 01, 2008 12:21 am

    Sul "sensato" non sarei così sicuro, ma condivido il resto del tuo discorso. Dopotutto però qualcosa di positivo doveva pur esserci se siamo riusciti ad ottenere qualche risultato. Che poi tu mi dica che ci si può arrivare solamente con un regime, non è per nulla incoraggiante.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    boromir
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 141
    Età : 27
    Localizzazione : Sassari
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.Paulus
    Data d'iscrizione : 10.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da boromir il Mar Apr 01, 2008 12:35 am

    Penso che sarebbe insensato fondare un Paese sull'illegalita',a parte perche' e' logicamente sbagliato,ma poi(riferendomi al nazionalismo,che dice che bisogna credere nello Stato) perche' se una Nazione si fonda su concetti sbagliati,come si puo' crederci?Non avrebbe senso crederci a quel punto, si crederebbe che tutto e' lecito per raggiungere i propri scopi(a parer mio).


    _________________
    avatar
    Ishramit
    Moderatore

    Maschio Numero di messaggi : 508
    Età : 25
    Localizzazione : Ancona
    Occupazione : Studente-Scout d'Europa
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 22.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Ishramit il Mar Apr 01, 2008 3:17 pm

    boromir ha scritto:Poi non vedo con precisione quando la storia abbia mostrato che il nazionalismo ha fatto progredire l'Italia.

    L'Italia è nata grazie al Nazionalismo e ti assicuro che dopo la Prima Guerra Mondiale il despotismo era l'unico metodo possibile.
    Inoltre al fascismo vengono spesso attribuite colpe che non si merita. Se Mussolini non avesse accettato di partecipare alla seconda guerra mondiale adesso la situazione potrebbe essere molto diversa..
    avatar
    boromir
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 141
    Età : 27
    Localizzazione : Sassari
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.Paulus
    Data d'iscrizione : 10.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da boromir il Mar Apr 01, 2008 5:59 pm

    Certo l'Italia e' nata per uno spirito di Nazione,logico.Per quanto riguardo il despotismo,concordo che fossero anni duri e di instabilita' politica,ma il dispotismoe' comunque una cosa molto controversa.Al fascismo sono attribuite colpe che non merita?e quali?la prima la citi tu:l'ingresso nella guerra.Ma ce ne molte,sia quelle famose,sia quelle piccole,quotidiane,che la gente doveva sopportare (neanche tanto piccole a volte).


    _________________
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Dark Sertum il Mar Apr 01, 2008 9:50 pm

    boromir ha scritto:Al fascismo sono attribuite colpe che non merita?e quali?la prima la citi tu:l'ingresso nella guerra.Ma ce ne molte,sia quelle famose,sia quelle piccole,quotidiane,che la gente doveva sopportare (neanche tanto piccole a volte).

    Ishramit ha solo detto che certe cose che vengono riconosciute al fascismo non sono completamente corrette, probabilmente quantomeno ideologicamente. Ed è su questo punto che vorrei fermarmi, perché è l'ideologia che va considerata come giusta o sbagliata. So che ne abbiamo parlato tante volte, Paolo, ma lascia che io provi a dirlo di nuovo. Dal momento che gli errori può averli fatti Mussolini o i suoi amici, non dobbiamo per forza considerare il fascismo come qualcosa di essenzaialmente negativo: lo stesso vale per il comunismo.
    Diverso è invece il nazismo, ma quella non è ideologia, semmai è follia.
    E quindi dimmi, dopo quello che ho detto, le colpe stanno al fascismo o ai fascisti? O meglio, per farti un esempio parallelo, in Russia la colpa era di Stalin o del comunismo?
    Come vedi - ma so che lo sai già, perché ne abbiamo parlato anche stamane - il punto non è l'ideologia, ma l'applicazione che questa trova.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    boromir
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 141
    Età : 27
    Localizzazione : Sassari
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.Paulus
    Data d'iscrizione : 10.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da boromir il Mar Apr 01, 2008 10:08 pm

    Ishramit ha solo detto che certe cose che vengono riconosciute al fascismo non sono completamente corrette
    Infatti ho chiesto quali,perche' magari ora alcuni fatti mi sfuggono

    E quindi dimmi, dopo quello che ho detto, le colpe stanno al fascismo o ai fascisti? O meglio, per farti un esempio parallelo, in Russia la colpa era di Stalin o del comunismo?
    Come vedi - ma so che lo sai già, perché ne abbiamo parlato anche stamane - il punto non è l'ideologia, ma l'applicazione che questa trova
    Sono d'accordo,puo' esserci del buono nell'ideologia fascista,ma io penso(correggettemi se sbaglio) che Ishramit si riferisse a quegli anni e a cio' che accadde,non all'ideologia:se non e' così ditemelo.


    _________________
    avatar
    Ishramit
    Moderatore

    Maschio Numero di messaggi : 508
    Età : 25
    Localizzazione : Ancona
    Occupazione : Studente-Scout d'Europa
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 22.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Ishramit il Mar Apr 01, 2008 10:43 pm

    boromir ha scritto:
    Ishramit ha solo detto che certe cose che vengono riconosciute al fascismo non sono completamente corrette
    Infatti ho chiesto quali,perche' magari ora alcuni fatti mi sfuggono

    E quindi dimmi, dopo quello che ho detto, le colpe stanno al fascismo o ai fascisti? O meglio, per farti un esempio parallelo, in Russia la colpa era di Stalin o del comunismo?
    Come vedi - ma so che lo sai già, perché ne abbiamo parlato anche stamane - il punto non è l'ideologia, ma l'applicazione che questa trova
    Sono d'accordo,puo' esserci del buono nell'ideologia fascista,ma io penso(correggettemi se sbaglio) che Ishramit si riferisse a quegli anni e a cio' che accadde,non all'ideologia:se non e' così ditemelo.

    IO sto parlando essenzialmente di ideologia poichè essa si è trasformata drasticamente dall'alleanza con Hitler.
    Infatti il fascismo, quello puro, non è affatto razzista come molti pensano...
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Dark Sertum il Mar Apr 01, 2008 10:48 pm

    boromir ha scritto:
    Ishramit ha solo detto che certe cose che vengono riconosciute al fascismo non sono completamente corrette
    Infatti ho chiesto quali,perche' magari ora alcuni fatti mi sfuggono

    Ad esempio che il fascismo sia nato con idee razziste come invece il nazismo, o che venga associato direttamente a quest'ultimo movimento ideologicamente. E questo lo dimostra che, ad esempio, Mussolini abbia avuto anche un'amante ebrea e che tra gli stessi fondatori del movimento fascista vi fossero ebrei; che la marcia su Roma sia stata una sorta di colpo di stato, cosa che invece non è stata affatto; poi in realtà il motore principale delle leggi razziali è stata la Germania, che pagava degli agenti tedeschi per portare avanti una campagna di stampa antisemitista in tutto il mondo, e poi non mi viene altro in mente, ma penso che queste cosette bastino.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    boromir
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 141
    Età : 27
    Localizzazione : Sassari
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.Paulus
    Data d'iscrizione : 10.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da boromir il Mar Apr 01, 2008 11:00 pm

    Certo,frai i fascisti c'erano Ebrei,Mussolini avra' avuto un'amante Ebrea,ma io non parlo di questo
    una campagna di stampa antisemitista in tutto il mondo
    ma di leggi del 1938 e di firma su documento.
    Per la marcia scusami:una Capitale assediata da uomini armati,esercito o no,con alla testa un capo che reclama a se' i poteri,cosa e'?


    _________________
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Dark Sertum il Mar Apr 01, 2008 11:05 pm

    una campagna di stampa antisemitista in tutto il mondo
    ma di leggi del 1938 e di firma su documento.

    L'origine è stato il nazismo, le leggi sono arrivate solo alla fine del fascismo. Tutti i discorsi vergognosi fatti da Mussolini per difendere la razza ariana sono associabili unicamente a lui, non a determinate idee.

    Per la marcia scusami:una Capitale assediata da uomini armati,esercito o no,con alla testa un capo che reclama a se' i poteri,cosa e'?

    Forse un ballo in maschera? Il re non ha protestato, eppure aveva il titolo per farlo.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    boromir
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 141
    Età : 27
    Localizzazione : Sassari
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.Paulus
    Data d'iscrizione : 10.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da boromir il Mar Apr 01, 2008 11:20 pm

    L'origine è stato il nazismo, le leggi sono arrivate solo alla fine del fascismo. Tutti i discorsi vergognosi fatti da Mussolini per difendere la razza ariana sono associabili unicamente a lui, non a determinate idee.
    Ok lo accetto,difendere le idee non chi le rappresentava(o diceva di farlo) erroneamente
    Forse un ballo in maschera? Il re non ha protestato, eppure aveva il titolo per farlo.
    Del Re neanche ne parlo,dato che non era nel pieno dei suoi poteri e per la situazione politica instabile,ma di sicuro era un colpo di Stato.


    _________________
    avatar
    Ishramit
    Moderatore

    Maschio Numero di messaggi : 508
    Età : 25
    Localizzazione : Ancona
    Occupazione : Studente-Scout d'Europa
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 22.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Ishramit il Mer Apr 02, 2008 12:27 am

    Dark Sertum ha scritto:
    una campagna di stampa antisemitista in tutto il mondo
    ma di leggi del 1938 e di firma su documento.

    L'origine è stato il nazismo, le leggi sono arrivate solo alla fine del fascismo. Tutti i discorsi vergognosi fatti da Mussolini per difendere la razza ariana sono associabili unicamente a lui, non a determinate idee.

    Per la marcia scusami:una Capitale assediata da uomini armati,esercito o no,con alla testa un capo che reclama a se' i poteri,cosa e'?

    Forse un ballo in maschera? Il re non ha protestato, eppure aveva il titolo per farlo.

    Tutt'altro, Mussolini è salito al governo per suo volere...
    sul fatto dei discorsi vergognosi di Mussolini... potrebbe anche averlo fatto per paura ma questo rimarrà un mistero...
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Dark Sertum il Mer Apr 02, 2008 8:45 am

    Lasciamo perdere i suoi discorsi. In quelli che ho potuto leggere c'è poco di giustificabile, per quanto potesse aver paura di Hitler. Questo perché anche se sicuramente dovremmo riprendere quest'ipotesi per vedere se ne sono rimaste influenzate le sue scelte, fondamentalmente ha sbagliato anche lui.
    Che poi l'abbia venduto l'Italia a ideali razzisti senza nemmeno credere in quello che diceva, pur di evitare uno scontro coi tedeschi, non ha molto di eroico.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    Ishramit
    Moderatore

    Maschio Numero di messaggi : 508
    Età : 25
    Localizzazione : Ancona
    Occupazione : Studente-Scout d'Europa
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 22.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Ishramit il Mer Apr 02, 2008 2:33 pm

    Dark Sertum ha scritto:Lasciamo perdere i suoi discorsi. In quelli che ho potuto leggere c'è poco di giustificabile, per quanto potesse aver paura di Hitler. Questo perché anche se sicuramente dovremmo riprendere quest'ipotesi per vedere se ne sono rimaste influenzate le sue scelte, fondamentalmente ha sbagliato anche lui.
    Che poi l'abbia venduto l'Italia a ideali razzisti senza nemmeno credere in quello che diceva, pur di evitare uno scontro coi tedeschi, non ha molto di eroico.

    Beh, non lo stavo certo difendendo...
    avatar
    Ishramit
    Moderatore

    Maschio Numero di messaggi : 508
    Età : 25
    Localizzazione : Ancona
    Occupazione : Studente-Scout d'Europa
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 22.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Ishramit il Mer Apr 02, 2008 5:47 pm

    gUARDATE COSA HO TROVATO OGGI IN UNA VECCHIA RIVISTA...
    CApita proprio a fagiolo

    Mario Farneti
    OCCIDENTE

    "Un'ipotesi di storia parallela:
    il Novecento che non si realizzò"
    Corriere della sera

    Giugno 1940: Mussolini sceglie la neutralità e non entra in guerra a fianco di Hitler. Nove mesi dopo la caduta del nazismo, scoppia un nuovo conflitto. L'Armata Rossa sconfina oltre il fiume Oder e grazie all'intervento delle truppe italiane viene fermata e respinta.
    E' la Terza Guerra Mondiale.
    Gli eserciti dei paesi occidentali dilagano attraverso le steppe russe. I battaglioni delle "Camicie Nere" di Mussolini entrano per primi a Mosca dopo la vittoriosa battaglia di Smolesk. L'Unione Sovietica si dissolve. Ottobre 1972: l'Italia è padrona di un territorio immenso che va dalla Somalia alle steppe della Russia e, dopo mezzo secolo di potere, Mussolini quasi novantenne sta per celebrare il cinquantenario dell'Era Fascista.
    Nel frattempo, però, forze occulte complottano per annientare l'impero che Mussolini ha modellato sull'immagine di quello Romano...
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Dark Sertum il Mer Apr 02, 2008 6:36 pm

    Ishramit ha scritto:

    Mario Farneti
    OCCIDENTE

    "Un'ipotesi di storia parallela:
    il Novecento che non si realizzò"
    Corriere della sera

    Giugno 1940: Mussolini sceglie la neutralità e non entra in guerra a fianco di Hitler. Nove mesi dopo la caduta del nazismo, scoppia un nuovo conflitto. L'Armata Rossa sconfina oltre il fiume Oder e grazie all'intervento delle truppe italiane viene fermata e respinta.
    E' la Terza Guerra Mondiale.
    Gli eserciti dei paesi occidentali dilagano attraverso le steppe russe. I battaglioni delle "Camicie Nere" di Mussolini entrano per primi a Mosca dopo la vittoriosa battaglia di Smolesk. L'Unione Sovietica si dissolve. Ottobre 1972: l'Italia è padrona di un territorio immenso che va dalla Somalia alle steppe della Russia e, dopo mezzo secolo di potere, Mussolini quasi novantenne sta per celebrare il cinquantenario dell'Era Fascista.
    Nel frattempo, però, forze occulte complottano per annientare l'impero che Mussolini ha modellato sull'immagine di quello Romano...

    Incredibile, e nemmeno poi così male.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    Ishramit
    Moderatore

    Maschio Numero di messaggi : 508
    Età : 25
    Localizzazione : Ancona
    Occupazione : Studente-Scout d'Europa
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 22.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Ishramit il Mer Apr 02, 2008 8:30 pm

    Non credevo ci fossero fantasy su questo argomento...
    Evidentemente mi sbagliavo...

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Lingua e Patria

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Lun Ott 22, 2018 11:57 am