Picchiare un fascista non è reato?

    Condividi
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Picchiare un fascista non è reato?

    Messaggio Da Dark Sertum il Gio Ott 16, 2008 12:57 am

    Ecco un articolo interessante (e anche relativamente recente) che ho trovato su internet. Diciamo la nostra

    http://www.azionetradizionale.com ha scritto:“La Resistenza ce l’ha insegnato: uccidere un fascista non è reato”. Ricordate questo slogan che negli anni ‘70 veniva scandito nelle scuole, nelle università e nelle piazze dai giovai militanti di sinistra, un canto di odio e di intolleranza tipico della più grande “tradizione antifascista”?
    E certo che non era solo un coro, non erano solo parole, perché a queste seguirono i fatti: gli anni di piombo, con quei giovani che la storia ha voluto seppellire e dimenticare, quei ragazzi barbaramente uccisi solo perchè professavano un ideale “diverso”, perchè erano Fascisti. I tempi sono cambiati ma gli insegnamenti restano evidentemente: 25 aprile 2001, piazzale Loreto, quattro giovani appartenenti alla destra radicale vanno a depositare un mazzo di fiori per commemorare il Duce e i gerarchi che proprio in quel luogo erano stati barbaramente e incivilmente appesi e messi in mostra, dopo essere stati uccisi senza alcun processo. In quella piazza è in corso una manifestazione dei centri sociali e i dimostranti, vedendo questi quattro ragazzi con un mazzo di fiori in mano (armati!?), memori dell’insegnamento dei loro padri sessantottini e dei loro nonni partigiani, si precipitano sui ragazzi aggredendoli a colpi di spranghe e mandandoli in ospedale. Per la polizia e per i media quella era una provocazione fascista e la colpa era dei giovani “nostalgici” che avevano sfidato i “bravi ragazzi” dei centri sociali, quindi la lezione era giusta, legittima. Ma ora una notizia ci regala di tanto in tanto un sorriso: il giudice della Cassazione ha dichiarato tramite sentenza che l’aggressione verso i giovani di destra è reato. In aula di giudizio i compagni, che si erano resi protagonisti della vile aggressione, si erano difesi invocando i valori della Costituzione su cui è fondata la nostra Repubblica, legittimando il pestaggio come segno di particolare valore morale e sociale. In sintesi, questi paladini della libertà avevano agito per colpa non loro ma di quei provocatori e agitatori che, deponendo un mazzo di fiori, gli avevano evidentemente fatto credere che fosse in corso un atto di terrorismo contro la democrazia di cui essi sono i guardiani. La naturale conclusione è che per i giovani antifascisti è un dovere civico bastonare un fascista. Ma per fortuna qualche giudice, ogni tanto e raramente, usa il cervello e dichiara che la difesa dei giovani antifascisti è improponibile. Speriamo ora che questi ragazzi non siano entrati in crisi esistenziale…quel coro li ha ingannati…per favore, che qualcuno chiami loro uno psicologo o un assistente sociale…!


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    Ishramit
    Moderatore

    Maschio Numero di messaggi : 508
    Età : 25
    Localizzazione : Ancona
    Occupazione : Studente-Scout d'Europa
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 22.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Picchiare un fascista non è reato?

    Messaggio Da Ishramit il Gio Ott 16, 2008 3:22 pm

    Non c'è da sorprendersi, anni e anni di dittature di destra e sinistra(e parlo del dopoguerra visto che quella di Mussolini è stata la dittatura più dignitosa se la confrontiamo con quelle che sono venute dopo, e che nessuno mi venga a parlare di democrazia perchè in territorio italiano non è mai esistita la democrazia) il cervello dei giovani si sia bruciato in moltissimi casi, tanto c'è quell'affare inutile chiamato televisione a farlo...
    avatar
    BR1
    Scudiero

    Maschio Numero di messaggi : 273
    Età : 27
    Localizzazione : Sassari
    Occupazione : studente, rappresentante di istituto
    Umore : Aggressivo
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 24.01.08

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Picchiare un fascista non è reato?

    Messaggio Da BR1 il Gio Ott 16, 2008 4:50 pm

    BR1
    Io avrei arrestato i giovani fascisti perchè in Italia Fascismo e razzismo sono contro le leggi e avrei arrestato anche i giovani dei centri sociali per lesioni aggravate...
    Carlo un' amica di mio Padre è stata pestata dai fascisti tra il settanta e l'ottanta quindi quei poveri ragazzi che come dice "azionetradizionale" avevano ideologie diverse dai barbari dei centri sociali hanno subito ciò che molti giovani di destra e sinistra ogni tanto subiscono...
    Non giustifico i responsabili del gesto ma penso che le violenze siano equamente distribuite tra entrambe le fazioni...


    _________________
    Fame e macerie sotto i mortai
    Come l'acciaio resiste la citta'
    Sulla sua strada gelata la croce uncinata lo sa
    D'ora in poi trovera' Stalingrado in ogni citta'.
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Picchiare un fascista non è reato?

    Messaggio Da Dark Sertum il Gio Ott 16, 2008 4:58 pm

    BR1 ha scritto:BR1
    Io avrei arrestato i giovani fascisti perchè in Italia Fascismo e razzismo sono contro le leggi e avrei arrestato anche i giovani dei centri sociali per lesioni aggravate...
    Carlo un' amica di mio Padre è stata pestata dai fascisti tra il settanta e l'ottanta quindi quei poveri ragazzi che come dice "azionetradizionale" avevano ideologie diverse dai barbari dei centri sociali hanno subito ciò che molti giovani di destra e sinistra ogni tanto subiscono...
    Non giustifico i responsabili del gesto ma penso che le violenze siano equamente distribuite tra entrambe le fazioni...

    Per farla breve potevi ammettere che in questo caso la colpa era di chi ha dato origine alla violenza. Ma forse è più comodo ricercare tra millenni di storia per trovare eventi paragonabili nell'ala di destra. Coda di paglia? Ti assicuro che se facessimo tutti così non ne finiremmo più.

    P.S. Arrestare gente che ha in mano un mazzo di fiori e viene pestata? Beh, alla fine almeno il giudice sembra aver avuto un'idea un po' diversa di giustizia.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    Ishramit
    Moderatore

    Maschio Numero di messaggi : 508
    Età : 25
    Localizzazione : Ancona
    Occupazione : Studente-Scout d'Europa
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 22.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Picchiare un fascista non è reato?

    Messaggio Da Ishramit il Gio Ott 16, 2008 5:58 pm

    BR1 ha scritto:BR1
    Io avrei arrestato i giovani fascisti perchè in Italia Fascismo e razzismo sono contro le leggi e avrei arrestato anche i giovani dei centri sociali per lesioni aggravate...
    Carlo un' amica di mio Padre è stata pestata dai fascisti tra il settanta e l'ottanta quindi quei poveri ragazzi che come dice "azionetradizionale" avevano ideologie diverse dai barbari dei centri sociali hanno subito ciò che molti giovani di destra e sinistra ogni tanto subiscono...
    Non giustifico i responsabili del gesto ma penso che le violenze siano equamente distribuite tra entrambe le fazioni...
    Essere ascisti non è reato in questo paese nè in altri.
    L'apologia ascista è reato per ragioni vecchie e consumate ma non essere fascisti.
    P.S:Chi ti ha detto che quelli fossero veramente fascisti e non si attegiassero solamente a tali come fa molta gente?
    avatar
    BR1
    Scudiero

    Maschio Numero di messaggi : 273
    Età : 27
    Localizzazione : Sassari
    Occupazione : studente, rappresentante di istituto
    Umore : Aggressivo
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 24.01.08

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Picchiare un fascista non è reato?

    Messaggio Da BR1 il Gio Ott 16, 2008 6:50 pm

    BR1
    Se si tratta di fascisti o meno non lo devo decidere io ma evidentemente lo erano, in Italia l'apologia del fascismo nelle pubbliche piazze è illegale; Quei ragazzi depositando fiori a mussolini e altri gerarchi stavano inviando un messaggio apologico.
    Carlo non credo di avere negato la colpevolezza maggiore di chi ha originato la violenza in questo caso, ma è necessario ricordarci della storia del nostro paese in cui eventi simili sono ricorrenti.
    Penso che i pestaggi verso i fasci siano direttamente proporzionali al numero di pestaggi subiti dai comunisti... Ma sembra quasi che tu dica che in Italia si pestino solo i fascisti, inoltre non sono stato io a cercare nel profondo del passato poichè l'articolo iniziale da te postato presenta rigurgiti di passato in quasi ogni sua parte.


    _________________
    Fame e macerie sotto i mortai
    Come l'acciaio resiste la citta'
    Sulla sua strada gelata la croce uncinata lo sa
    D'ora in poi trovera' Stalingrado in ogni citta'.
    avatar
    Ishramit
    Moderatore

    Maschio Numero di messaggi : 508
    Età : 25
    Localizzazione : Ancona
    Occupazione : Studente-Scout d'Europa
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 22.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Picchiare un fascista non è reato?

    Messaggio Da Ishramit il Gio Ott 16, 2008 6:56 pm

    Beh, portare fiori aimorti non mi sembra apologia...
    Comunque non si può punire qualcuno perchè piorta dei fiori al cimitero.
    Comunque sono d'accordo: esempi del genere sono tra entrambe le fazioni ma non credo che chi compie certi atti si possa realmente accostare ad una delle due ideologie, dato che la violenza non è prerogativa di nessuna delle due.
    avatar
    BR1
    Scudiero

    Maschio Numero di messaggi : 273
    Età : 27
    Localizzazione : Sassari
    Occupazione : studente, rappresentante di istituto
    Umore : Aggressivo
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 24.01.08

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Picchiare un fascista non è reato?

    Messaggio Da BR1 il Gio Ott 16, 2008 7:02 pm

    Br1
    E'però innegabile che vi sono stati periodi storici in cui la violenza è stata utilizzata dai due schieramenti che portarono la nazione sull'orlo della guerra civile...
    Comunque il discorso apologico è ciò che penso io sul caso... Poi credo sia giusto che abbiate idee differenti a riguardo.


    _________________
    Fame e macerie sotto i mortai
    Come l'acciaio resiste la citta'
    Sulla sua strada gelata la croce uncinata lo sa
    D'ora in poi trovera' Stalingrado in ogni citta'.
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Picchiare un fascista non è reato?

    Messaggio Da Dark Sertum il Gio Ott 16, 2008 9:04 pm

    BR1 ha scritto:Br1
    E'però innegabile che vi sono stati periodi storici in cui la violenza è stata utilizzata dai due schieramenti che portarono la nazione sull'orlo della guerra civile...
    Comunque il discorso apologico è ciò che penso io sul caso... Poi credo sia giusto che abbiate idee differenti a riguardo.

    Questo è già un ragionamento condivisibile, dal mio punto di vista.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    BR1
    Scudiero

    Maschio Numero di messaggi : 273
    Età : 27
    Localizzazione : Sassari
    Occupazione : studente, rappresentante di istituto
    Umore : Aggressivo
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 24.01.08

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Picchiare un fascista non è reato?

    Messaggio Da BR1 il Ven Ott 17, 2008 11:23 am

    BR1
    Se io portassi fiori al mausoleo di Lenin sarei sicuramente visto come comunista, quindi penso che quei ragazzi abbiano mandato un'messaggio chiaro: noi siamo fascisti...
    Ora non giustifico il caso ma non ditemi che portavano solo dei fiori ad un cadavere...


    _________________
    Fame e macerie sotto i mortai
    Come l'acciaio resiste la citta'
    Sulla sua strada gelata la croce uncinata lo sa
    D'ora in poi trovera' Stalingrado in ogni citta'.
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Picchiare un fascista non è reato?

    Messaggio Da Dark Sertum il Ven Ott 17, 2008 3:12 pm

    BR1 ha scritto:BR1
    Ora non giustifico il caso ma non ditemi che portavano solo dei fiori ad un cadavere...

    No, certo, stavano riesumando un cadavere.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    BR1
    Scudiero

    Maschio Numero di messaggi : 273
    Età : 27
    Localizzazione : Sassari
    Occupazione : studente, rappresentante di istituto
    Umore : Aggressivo
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 24.01.08

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Picchiare un fascista non è reato?

    Messaggio Da BR1 il Sab Ott 18, 2008 12:08 am

    BR1
    Stavano riesumando un ideologia che dovrebbe essere morta e sepolta dalle bombe degli alleati perchè tutto ciò che può avere fatto di buono Mussolini è stato in maggior parte distrutto dalle bombe... Bombe di cui lo stesso Mussolini fu responsabile.
    Perchè un vero Duce avrebbe combattuto in prima linea invece di lasciare la nazione in mano ai tedeschi, per non parlare del Re...
    Solo pensare che una persona responsabile di tutto questo male sia meritevole di onoranze funebri dovrebbe costituire reato.


    _________________
    Fame e macerie sotto i mortai
    Come l'acciaio resiste la citta'
    Sulla sua strada gelata la croce uncinata lo sa
    D'ora in poi trovera' Stalingrado in ogni citta'.
    avatar
    Ishramit
    Moderatore

    Maschio Numero di messaggi : 508
    Età : 25
    Localizzazione : Ancona
    Occupazione : Studente-Scout d'Europa
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 22.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Picchiare un fascista non è reato?

    Messaggio Da Ishramit il Sab Ott 18, 2008 11:44 am

    “ I DOCUMENTI STORICI “


    COSA HANNO DETTO DI MUSSOLINI I GRANDI PERSONAGGI DEL 900



    PIO XI°: “ Costui è l’uomo della Provvidenza ( giudizio condiviso da Angelo Roncalli, il futuro Giovanni XXIII°, “ il Papa buono”.

    PIO XII°: “ Il più grande uomo da me conosciuto e senz’altro tra i più profondamente buoni”.

    M.K. GANDHI: “ un superuomo”

    THOMAS MANN: “ un semidio”

    SIGMUND FREUD: „ un eroe della Civiltà“

    WINSTON CHURCHILL: “ il più grande legislatore vivente”.

    THOMAS ALVA EDISON: “ il più grande genio dell’età moderna”

    MASSIMO GORKY: “ un uomo di intelligenza superiore”

    LLOYD GEORGE: “ Un uomo che desta ammirazione anche tra i suoi nemici e che ogni giorno detta leggi circa il modo di governare i popoli in momenti difficilissimi.”

    STANLEY BALDWIN: “ non vi sono in Europa uomini di eccezione come Mussolini”.

    SAMUEL JOHN GURNEY HOARE: “ Mussolini è il massimo statista dell’Europa moderna”.

    JOSIF VISSARIONOVIC DZUGASVILI (STALIN): “ Con la morte di Mussolini scompare uno dei più grandi uomini politici cui si deve rimproverare solamente di non aver messo al muro i suoi avversari”.

    IGOR STRAVINSKIJ: “ Mussolini è un uomo formidabile. Non credo che qualcuno abbia per Mussolini una venerazione maggiore della mia. Per me Egli è l’unico Uomo che conti nel mondo intero”.

    GEORGE BERNARD SHAW:” Mussolini non è soltanto un uomo, ma una situazione storica”.

    EZRA POUND:” Jefferson fu un genio, e Mussolini un altro genio”.

    HERBERT GEORGE WELLS:” Mussolini ha lasciato il suo segno nella storia“.

    ADOLF HITLER:” Un uomo che fa la storia, non la subisce. Mussolini è l’ultimo dei Cesari.”

    RUDYARD KIPLING: “ Vogliatevi bene sempre, con un affetto costante; pensate che per l’Italia Egli è tutto”.

    ROALD ENGELBRETH AMUNDSEN:” Soltanto Napoleone può paragonarsi a Lui”.

    ALEXIS CARREL: “ Cesare, Napoleone, Mussolini: tutti i grandi conduttori di popoli crescono oltre la statura umana”.

    GUGLIELMO MARCONI:” Rivendico l’onore di essere stato in radiotelegrafia il primo fascista, il primo a riconoscere l’utilità di riunire in fascio i raggi elettrici, come Mussolini ha riconosciuto per primo in campo politico la necessità di riunire in fascio le energie sane del Paese per la maggior grandezza d’Italia”.

    LUIGI PIRANDELLO: “ Mussolini recita da protagonista, nel teatro dei secoli”.



    Beh, penso che sia più che degno di essere ricordato, per lo meno da chi è stato semplicemente a guardare.
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Picchiare un fascista non è reato?

    Messaggio Da Dark Sertum il Sab Ott 18, 2008 4:20 pm

    Grazie Ishramit, per questa lista. Ci sono citazioni davvero curiose.

    Dunque BR1, anche io, semplicemente difendendo delle persone che hanno subito una violenza, sto valorizzando l'ideologia fascista? O magari Ishramit? Quindi stiamo commettendo un reato?
    Ma dovevi proprio riesumare l'articolo della Costituzione più anticostituzionale che potesse esserci?

    Ecco un esempio di quanto conti l'apologia del fascismo:
    Movimento Fascismo e Libertà è stato fondato nel 1991 dal senatore Giorgio Pisanò; ha affrontato alcune decine di processi per ricostituzione del partito fascista, ma la precisazione «del disciolto partito fascista» è stata sufficiente per ottenere in tutti i casi l'archiviazione o l'assoluzione.

    E se proprio vuoi vedere quello che dice un parere imparziale leggiti il malloppo che nascondo qua sotto per comodità con lo spoiler.

    Spoiler:
    Verso la legge 645 sono state a più riprese sollevate questioni di legittimità costituzionale, poiché si è sostenuto che la norma di fatto negherebbe ad una categoria ideologica, o meglio ai possibili sostenitori di una fazione politica, i diritti dichiaratamente garantiti dalla Costituzione in termini di libertà associativa e di libertà di manifestazione del proprio pensiero. La questione fu ovviamente oggetto di animatissime polemiche politiche quando sempre più esponenti del Movimento Sociale Italiano di Arturo Michelini venivano politicamente e giudiziariamente accusati di questo reato.

    Fu perciò nel 1956, in occasione di quasi simultanei procedimenti per apologia del fascismo (presso il Tribunale di Torino, la Corte d'Appello di Roma e la Corte d'Appello di Perugia), che fu adita la Corte Costituzionale, la quale si espresse nella nota sentenza del 16 gennaio 1957[1].
    La difesa dell'imputato di Torino aveva impugnato il citato art. 4 della legge per asserito contrasto con l'art. 21 primo comma della Costituzione, ed il Tribunale di Torino vi aveva sua sponte aggiunto un rilievo di non manifesta infondatezza della "pretesa incostituzionalità dell'intera legge n. 645 del 1952 e non anche del solo art. 4". Vi si aggiunsero gli atti trasmessi dalle altre due corti.
    La Consulta, presieduta da Enrico De Nicola (ex presidente della Repubblica), accogliendo il rilievo dell'Avvocatura dello Stato, riassunse che l'eccezione era stata proposta sia per l'intera legge, sia per l'articolo 1 (ricostituzione), sia ancora per l'articolo 4 (apologia), ma nessuno degli imputati, intanto, era in giudizio per il reato di cui all'art. 1 e questa questione fu accantonata. Circa l'intera legge, della quale si richiedeva verifica alla luce dell'art. 138 Cost., onde stabilire cioè se essa costituisse revisione costituzionale (ed avesse così infranto una prescritta procedura), la Corte stabilì che la legge 645 non aveva rango di legge costituzionale e che quindi non comportava revisione, né contrasto con la norma dedotta, essendo invece mera applicazione della XII disposizione.
    Circa l'art. 4, si soffermò invece a meglio definire la fattispecie delittuosa, segnalando che il reato si configura allorquando l'apologia non consista in una mera "difesa elogiativa", bensì in una "esaltazione tale da potere condurre alla riorganizzazione del partito fascista", cioè in una "istigazione indiretta a commettere un fatto rivolto alla detta riorganizzazione e a tal fine idoneo ed efficiente". Ritenne perciò la Corte di non ravvisare alcuna violazione delle disposizioni contenute nell'art. 21 della Costituzione, sebbene la motivazione vada dedotta dall'accento posto sul carattere di istigazione dell'apologia e di fatto, come in seguito fu criticamente osservato, si limitò a glissare sulla questione di fondo.
    La sentenza fu poi citata da una successiva sentenza della stessa Consulta (6 dicembre 1958, n. 74), relativa stavolta all'art.5 della legge 645/52 a proposito della definizione delle manifestazioni fasciste, che si occupò di esplicitare in motivazione la ratio della norma, politica e difensiva del giovane regime democratico repubblicano contro i possibili attentati alla sua integrità.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    BR1
    Scudiero

    Maschio Numero di messaggi : 273
    Età : 27
    Localizzazione : Sassari
    Occupazione : studente, rappresentante di istituto
    Umore : Aggressivo
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 24.01.08

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Picchiare un fascista non è reato?

    Messaggio Da BR1 il Dom Ott 19, 2008 6:13 pm

    BR1
    questa è la famosa legge Scelba:
    "fa propaganda per la costituzione di un'associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità" di riorganizzazione del disciolto partito fascista, oppure da chiunque "pubblicamente esalta esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche".
    Visto che mi citi Giorgio Pisano vorrei ricordarti che fu buttato fuori da M.S.I. con tutto il suo partitucolo nel 1991.
    Comunque, effettivamente devo ammettere che l'Altissima Corte ha interpretato questa legge in base anche ad altre questioni.
    Nel gesto di questi ragazzi non è presente un apologia e visti gli ultimi dati posso dire che la loro responsabilità penale è ininfluente ai fini del discorso.
    E' però necessario osservare il comportamento di queste frange della società dato che il fenomeno fascista può essere pericoloso per l'integrità della repubblica.


    _________________
    Fame e macerie sotto i mortai
    Come l'acciaio resiste la citta'
    Sulla sua strada gelata la croce uncinata lo sa
    D'ora in poi trovera' Stalingrado in ogni citta'.
    avatar
    Ishramit
    Moderatore

    Maschio Numero di messaggi : 508
    Età : 25
    Localizzazione : Ancona
    Occupazione : Studente-Scout d'Europa
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 22.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Picchiare un fascista non è reato?

    Messaggio Da Ishramit il Dom Ott 19, 2008 6:48 pm

    La storia è ciclica...

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Picchiare un fascista non è reato?

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Mar Ott 23, 2018 8:18 pm