Quella Cina che non si vergogna

    Condividi
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Quella Cina che non si vergogna

    Messaggio Da Dark Sertum il Mar Ago 26, 2008 2:23 pm

    Questo articolo mostra i grandi aspetti che una nazione civile e "rinnovata" dovrebbe aver cancellato completamente. Ho evidenziato delle parti in rosso, perché mi sembra il colore più appropriato per mettere in risalto gli aspetti abominevoli di quella società immorale.


    Mentre le Olimpiadi mostrano al mondo una Cina moderna, telegenica, spettacolare, una madre adottiva riflette sul posto dove è nata la sua bimba cinese, che tre anni fa venne lasciata davanti alla porta di un orfanotrofio con il cordone ombelicale ancora attaccato. Diane Clehane, scrittrice e giornalista che vive a Manhattan, ha raccontato nell’edizione americana di Vanity Fair la storia di sua figlia Madeline Jing-Mei (“a little lucky girl”, le sorridono gli estranei che la incontrano al supermercato con la mamma) e dei sessantamila bambini cinesi, novanta per cento femmine, che dal 1991 sono stati adottati da famiglie americane. Si adotta in Cina più che in ogni altro posto del mondo. Una gioia pazzesca, “ma è impossibile ignorare il fatto che io ho avuto una figlia perché qualcun altro è stato costretto ad abbandonarla”. Perché “fino a quando non sono entrata nel processo di adozione, non avevo la percezione reale del costo umano” della politica del figlio unico, della discriminazione delle femmine, di tutte le ragazzine che vivono negli orfanotrofi, di quelle mai nate, di quelle non registrate, delle neonate buttate all’angolo di una strada.

    Milioni e milioni di bambine scomparse (e bellissime, bravissime atlete olimpiche che lanciano il loro messaggio di forza e speranza, poi però una bambina di sette anni esclusa dai canti ufficiali per decisione governativa: troppo brutta). Le madri adottive sanno che dovranno raccontare alle figlie la loro storia, dovranno spiegare quale scellerata azione politica le ha condotte, per fortuna, tra le loro braccia: molte ritagliano tutti gli articoli sulla politica del figlio unico (che non sarà abbandonata almeno fino al 2010) e sugli abbandoni delle femmine. “Voglio aiutare mia figlia a essere orgogliosa del suo paese, ma penso che lei non arrivi da questa Cina moderna e televisiva. Lei appartiene a una Cina che quasi tutto il mondo non vedrà mai”, ha scritto Diane Clehane.

    Qui non sono tutte come Angelina Jolie. Le mamme (e non sono tutte come Angelina Jolie, non adottano per motivi umanitari, ma per avere un figlio) lo sanno. Cindy Hsu fa la reporter televisiva, vive a New York, ha adottato una bimba che adesso ha quattro anni (le autorità cinesi, tra l’altro, tendono a impedire qualunque contatto con i genitori naturali), e ha una nonna cinese: “Le madri cinesi non sentono lo stesso nostro senso di perdita: mia nonna mi disse molto tempo fa che non capiva la sofferenza delle americane per gli aborti. E’ un altro stato mentale. In certe famiglie, se c’è qualcuno che non ha figli, vengono a prendere uno dei tuoi bambini. C’è qualcosa che non va, là”. Qualcosa che non va e che un po’ di belletto olimpionico non nasconde. “Tutti quelli che erano con me a Piazza Tiananmen scrivono da Pechino dicono la stessa cosa – spiega Zirinsky, madre adottiva che ha lavorato molti anni in Cina – c’è questa facciata scintillante che disperatamente cerca l’approvazione del mondo, ma passi sei blocchi di case ed ecco la Cina che abbiamo conosciuto. E’ davvero difficile gettarsi alle spalle le cose tremende che hanno messo radici in quella società”. Bambine gettate via, bambine che non sono niente, bambine che stanno scomparendo. Le madri che mettono a letto le loro “little lucky girl” e guardano tutto questo estivo scintillio televisivo, pieno di magnifici corpi, sorrisi, medaglie e modernità, hanno già visto l’altra faccia della Cina, e non l’applaudiranno mai.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])

    virus
    Scudiero

    Maschio Numero di messaggi : 194
    Età : 26
    Localizzazione : sassari
    Occupazione : studente
    Nick di KingsAge : virusX
    Data d'iscrizione : 16.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Quella Cina che non si vergogna

    Messaggio Da virus il Mer Ago 27, 2008 5:20 pm

    Per quanto queste accuse verso la Cina siano piu che giustificate, tanto è vero che anche io non ero d'accordo per le olimpiadi in Cina (per via della questione con il Tibet), sembra che l'articolo voglia far vedere al "mondo" quanto siano misericordiosi gli americani .L'america è molto brava a criticare gli altri paesi, ma si dovrebbe concentrare di piu sui suoi problemi che su quelli degli altri.
    Vorrei concludere dicendo che
    tutte le nazioni hanno i loro scheletri nell'armadio e prima o poi.......salteranno fuori.
    avatar
    Ishramit
    Moderatore

    Maschio Numero di messaggi : 508
    Età : 24
    Localizzazione : Ancona
    Occupazione : Studente-Scout d'Europa
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 22.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Quella Cina che non si vergogna

    Messaggio Da Ishramit il Mer Ago 27, 2008 5:28 pm

    virus ha scritto:Per quanto queste accuse verso la Cina siano piu che giustificate, tanto è vero che anche io non ero d'accordo per le olimpiadi in Cina (per via della questione con il Tibet), sembra che l'articolo voglia far vedere al "mondo" quanto siano misericordiosi gli americani .L'america è molto brava a criticare gli altri paesi, ma si dovrebbe concentrare di piu sui suoi problemi che su quelli degli altri.
    Vorrei concludere dicendo che
    tutte le nazioni hanno i loro scheletri nell'armadio e prima o poi.......salteranno fuori.
    L'america non li ha nell'armadio, non ha ancora finito di produrne...

    virus
    Scudiero

    Maschio Numero di messaggi : 194
    Età : 26
    Localizzazione : sassari
    Occupazione : studente
    Nick di KingsAge : virusX
    Data d'iscrizione : 16.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Quella Cina che non si vergogna

    Messaggio Da virus il Mer Ago 27, 2008 5:36 pm

    Bè si hai ragione... Very Happy
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Quella Cina che non si vergogna

    Messaggio Da Dark Sertum il Gio Ago 28, 2008 2:14 pm

    Dico che è più facile nascondere gli scheletri dove non c'è libertà. Non cerchiamo paragoni o giustificazioni per Cina.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])

    virus
    Scudiero

    Maschio Numero di messaggi : 194
    Età : 26
    Localizzazione : sassari
    Occupazione : studente
    Nick di KingsAge : virusX
    Data d'iscrizione : 16.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Quella Cina che non si vergogna

    Messaggio Da virus il Gio Ago 28, 2008 4:05 pm

    ma io non cerco giustificazioni per la cina dico solo che l'America e l'ultimo paese che puo criticarla.
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Quella Cina che non si vergogna

    Messaggio Da Dark Sertum il Gio Ago 28, 2008 7:05 pm

    virus ha scritto:ma io non cerco giustificazioni per la cina dico solo che l'America e l'ultimo paese che puo criticarla.

    Eddai, addirittura l'ultimo? :P


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])

    virus
    Scudiero

    Maschio Numero di messaggi : 194
    Età : 26
    Localizzazione : sassari
    Occupazione : studente
    Nick di KingsAge : virusX
    Data d'iscrizione : 16.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Quella Cina che non si vergogna

    Messaggio Da virus il Ven Ago 29, 2008 12:18 pm

    Si secondo me proprio l'ultimo. drunken

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Quella Cina che non si vergogna

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Dom Ago 19, 2018 3:25 am