Il libro che scoraggia...

    Condividi

    Sondaggio

    Il libro ideale deve essere mediamente lungo...

    [ 0 ]
    0% [0%] 
    [ 1 ]
    25% [25%] 
    [ 0 ]
    0% [0%] 
    [ 0 ]
    0% [0%] 
    [ 2 ]
    50% [50%] 
    [ 0 ]
    0% [0%] 
    [ 0 ]
    0% [0%] 
    [ 1 ]
    25% [25%] 

    Voti totali: 4
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da Dark Sertum il Mar Ago 05, 2008 4:50 pm

    Generalmente i libri eccessivamente lunghi sembrano scoraggiare, benché questo potrebbe risultare proporzionato esclusivamente all'abitudine dei lettori.
    Ma voi in genere che libri cercate? Libri ideali da leggere sotto l'ombrellone o pilastri letterari che richiedono tempo, volontà e interesse?


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    Van freheit
    Stratega

    Maschio Numero di messaggi : 797
    Età : 22
    Localizzazione : potenza
    Occupazione : Studente
    Umore : felice
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 10.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da Van freheit il Mar Ago 05, 2008 5:39 pm

    bhe, dipende dall'interesse che tu provi verso un libro: per esempio a me non piace molto leggere, quindi preferirei libri piccoli, però ci sono alcuni libri che mi appassionano, e in quel caso vorrei che non finissero mai.
    Penso che non si possa dare una risposta specifica a questa domanda.
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da Dark Sertum il Mar Ago 05, 2008 5:58 pm

    Mah, nel mio caso non guardo nemmeno più i libri corti (se non sotto forte consiglio).
    Ti spiego perché: quelli più grandi mi danno l'idea di maggiore sostanza (anche se non necessariamente "migliore"), e se mi piace ho molto da leggere. In caso contrario basterebbe semplicemente non aprirlo nemmeno.
    In genere quindi preferisco i racconti lunghi, perché so che se mi appasonerò avrò parecchio da leggere.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    DarkAngel
    Moderatore Globale

    Femmina Numero di messaggi : 255
    Età : 25
    Localizzazione : Brescia
    Occupazione : Studentessa
    Umore : Mha. Strano.
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 08.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da DarkAngel il Mar Ago 05, 2008 10:10 pm

    Leggere mi piace molto. Come D.S. i libri corti ormai non li guardo più, finiscono troppo presto.
    Di solito i libro che mi appassionano sono abbastanza lunghi e li rileggo volentieri. Preferisco le serie di libri, così ho molto più materiale da leggere.

    Per rispondere al sondaggio, direi che più o meno un libro deve essere lungo sulle 500 pagine, anche se conta qualità, non quantità.
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da Dark Sertum il Mer Ago 06, 2008 1:49 am

    Son sicuro che molti la pensino come Van. Molti hanno ancora voglia di scoprire, e non di decidere sin dall'inizio, se è uguale che un libro finisca subito o duri.
    La nostra deformazione, DarkAngel, temo che abbia infatti i suoi difetti. Chissà quanti libri belli ma brevi ci perdiamo! (Anche se proprio sulla base di quello che diciamo i belli ma corti sono i peggiori, perché finiscono subito)

    Comunque non mi piacciono molto le serie. Quelle che comincio a leggere o sono agli inizi in modo da poterle seguire di pari passo, o sono brevi. Vedi? In quel caso preferirei qualcosa come non più che una trilogia, perché con più libri si tenderebbe a snaturare il racconto, e soprattutto i personaggi.
    Dubito fortemente che un autore si ricorderebbe in anni di stesura il carattere dei protagonisti, e alla fine potresti chiederti cosa stia effettivamente leggendo: se una vecchia trama con nuovi personaggi o ancora la stessa trama con gli stessi personaggi.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    DarkAngel
    Moderatore Globale

    Femmina Numero di messaggi : 255
    Età : 25
    Localizzazione : Brescia
    Occupazione : Studentessa
    Umore : Mha. Strano.
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 08.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da DarkAngel il Mer Ago 06, 2008 3:10 pm

    Quello che dici delle serie è vero, a volte i personaggi non si riconoscono più. Ma credo che qui bisogna tener conto delle abilità dell'autore nel non far sfumare il personaggio.
    I libri che preferisco sono quelli che fanno parte della serie di Twilight, per esempio. Lì l'autrice ha saputo mantenere i personaggi "integri" nel tempo. Credo che per un principiante la storia sarebbe un po' diversa e che potrebbe incrociare il problema dei personaggi.
    Credo quindi che il "peso" di una serie debba essere preso da chi sa di averne le capacità, per non deludere il lettore.

    Ovivamente come dice D.S. molti libri corti sono fantastici. Mi ricordo di aver letto "Una storia semplice" di Sciascia, oppure un classico: "Lo strano caso del dottor Jekyll e del signor Hyde" che mi pare superi di poco le 130 pagine. Libri corti, ma molto interessanti.
    avatar
    Ishramit
    Moderatore

    Maschio Numero di messaggi : 508
    Età : 24
    Localizzazione : Ancona
    Occupazione : Studente-Scout d'Europa
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 22.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da Ishramit il Lun Ago 11, 2008 11:31 am

    Preferisco sicuramente i libri lunghi, un libro corto lo leggo solo se conosco lo scrittore (l'ultimo che ho letta è stato il visconte dimezzato di Calvinop che consiglio a tutti).
    Poi bisogna vedere qual'è l'argomentose non riesco a scrivere teorie sulla trama di un libro mi arrabbio :asd:
    avatar
    Red Apple
    Moderatore

    Maschio Numero di messaggi : 552
    Età : 25
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 31.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da Red Apple il Gio Ago 14, 2008 8:51 pm

    Beh, direi che alla fine non conta tanto lo spessore di un libro. Io, perlomeno, non guardo quello quando vado a scegliere un libro. Qualche tempo fa ad esempio mi scelsi qualche libro, e mi avevan parlato molto bene di Stephen King e volevo sceglierne un paio suoi, ma mi ha interessato tanto It, quanto Torno a prenderti, entrambi dello stesso scrittore, ma di sproporzionata differenza in quanto a lunghezza. Il primo supera 1200 pagine, mentre il secondo ne raggiunge a malapena 100. Per come sono fatto io credo che preferirei ad esempio una saga che un libro solo, o almeno un libro cui la fine fa presagire un continuo. E poi non credo che alla fine un libro lungo possa cambiare molto, perchè se entusiasmante credo lo leggerei tutto assieme, senza aspettare.
    Semplicemente perchè così aspetterò il successivo, che spero mi dia le stesse emozioni del precedente.
    Per il fatto dei personaggi non hai tutti i torti, ma non sempre leggo libri per il protagonista, o i personaggi principali. Leggo un libro per la trama, o per com'è scritto. Cito D. Angel dicendo che Twilight - secondo me anche Harry Potter - mantiene vivo lo stesso personaggio anche facendoli crescere, e modificando, comunque, ciò che si può modificare del personaggio.
    Perciò la mia risposta è questa: Credo andrei su una saga, e se devo scegliere la lunghezza andrei su un medio-lungo o lungo. I libri corti solitamente li leggo se mi attraggono particolarmente i titoli.


    _________________
    Hurry I'm fallin', I'm fallin'
    avatar
    Van freheit
    Stratega

    Maschio Numero di messaggi : 797
    Età : 22
    Localizzazione : potenza
    Occupazione : Studente
    Umore : felice
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 10.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da Van freheit il Gio Ago 14, 2008 9:40 pm

    Già, in effetti anch'io non bado molto alle pagine. E' vero che nel post precedente ho detto che i libri interessanti vorrei che non finissero più, mentre i noiosi vorrei che fossero di pochissime pagine, ma ad essere sincero io quando leggo me ne frego altamente delle pagine: io penso solo alla storia del libro e basta. Per esempio io sono un grande fan dei piccoli brividi, che sono in genere libri corti, ma ciò non mi disturba affatto: mi piacciono, li compro e li leggo.
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da Dark Sertum il Ven Ago 15, 2008 12:17 am

    Van freheit ha scritto:Già, in effetti anch'io non bado molto alle pagine. E' vero che nel post precedente ho detto che i libri interessanti vorrei che non finissero più, mentre i noiosi vorrei che fossero di pochissime pagine, ma ad essere sincero io quando leggo me ne frego altamente delle pagine: io penso solo alla storia del libro e basta. Per esempio io sono un grande fan dei piccoli brividi, che sono in genere libri corti, ma ciò non mi disturba affatto: mi piacciono, li compro e li leggo.

    Più o meno anch'io quando avevo la tua età leggevo i Piccoli brividi. Sono corti ma mi piacevano. Credo che me ne sia completamente allontanato iniziando a leggere il primo libro sproporzionatamente lungo rispetto alle mie precedenti letture, e da allora ho smesso quasi completamente di leggere i libri corti tanto mi sono trovato bene con quelli capaci di durare un po' di più tra le mie mani.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    Van freheit
    Stratega

    Maschio Numero di messaggi : 797
    Età : 22
    Localizzazione : potenza
    Occupazione : Studente
    Umore : felice
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 10.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da Van freheit il Ven Ago 15, 2008 9:27 pm

    Sì, ma ribadisco ciò che ho detto in questo post
    Van freheit ha scritto:Già, in effetti anch'io non bado molto alle pagine. E' vero che nel post precedente ho detto che i libri interessanti vorrei che non finissero più, mentre i noiosi vorrei che fossero di pochissime pagine, ma ad essere sincero io quando leggo me ne frego altamente delle pagine: io penso solo alla storia del libro e basta. Per esempio io sono un grande fan dei piccoli brividi, che sono in genere libri corti, ma ciò non mi disturba affatto: mi piacciono, li compro e li leggo.

    non conta la quantità, ma la qualità del libro. Tu quando leggi ti concentri sulla storia del libroo ad ogni frase che leggi pensi "che bello: questo libro è bello e avrò molte pagine da leggere"?
    Penso che sia impossibile fare entrambe le cose contemporaneamente; come fai a concentrarti sulla storia del libro se ad ogni frase pensi "urrà, ho tante pagine da leggere!"?
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da Dark Sertum il Ven Ago 15, 2008 9:34 pm

    Non sono sicuro che una grande storia possa essere raccontata in un libro piccolo. Potrebbe sembrare un pregiudizio se non fosse che è una deduzione maturata dopo più di una lettura. Certo però non ho la presuzione di ritenere che sia sempre così.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    Van freheit
    Stratega

    Maschio Numero di messaggi : 797
    Età : 22
    Localizzazione : potenza
    Occupazione : Studente
    Umore : felice
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 10.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da Van freheit il Ven Ago 15, 2008 9:41 pm

    Dark Sertum ha scritto:Non sono sicuro che una grande storia possa essere raccontata in un libro piccolo. Potrebbe sembrare un pregiudizio se non fosse che è una deduzione maturata dopo più di una lettura. Certo però non ho la presuzione di ritenere che sia sempre così.

    Bhe, dipende anche dal linguaggio usato: metafore, similitudini, aggettivi e parole complicate possono rendere molto più lungo un concetto esprimibile senza similitudini, metafore, aggettivi e con parole semplici.

    Per esempio, se io dico:

    Dormo nel letto

    e se io dico:

    Dormo nel grandissimo, bellissimo, meraviglioso letto, e me ne sto beato in questo pèaradiso come un dio eccetera, eccetera, eccetera...

    Ho detto la stessa cosa, nel primo caso in maniera più corta, nel secondo in maniera più lunga
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da Dark Sertum il Ven Ago 15, 2008 9:51 pm

    In sostanza stai leggendo un riassunto, però, non un racconto. Poi... che si possano evitare noiosissime descrizioni inutili ok, ma dire come-quando-dove-perché non è in genere così futile.
    Potrei dirti la stessa cosa della presentazione di un personaggio. Da quale delle due descrizioni qua sotto ti faresti meglio un'idea?

    - Una ragazza mi si avvicinò, pronta a chiedere cosa ci facessi lì.

    - Una ragazza, i cui capelli aurei ricadevano dolcemente su una veste candida ed elegante, mi fissò con le sue iridi cerulee, trafiggendomi. Il suo sguardo era visibilmente imbarazzato, ma la sua domanda era d'obbligo... e non avrebbe potuto evitarla. Allora mi chiese timidamente, scostando i capelli dal volto pulito e delicato «Mi perdoni, ma cosa ci fa lei qui?»

    Credo che giovi all'immaginazione più una descrizione che una fredda sintesi eccessivamente pratica.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    Van freheit
    Stratega

    Maschio Numero di messaggi : 797
    Età : 22
    Localizzazione : potenza
    Occupazione : Studente
    Umore : felice
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 10.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da Van freheit il Ven Ago 15, 2008 10:17 pm

    Sì, ma ciò che importa e la trama del libro, non certi particolari inutili.
    Il fatto che la ragazza abbia i capelli aurei non cambia la trama del libro.
    avatar
    Dark Sertum
    Amministratore

    Maschio Numero di messaggi : 1204
    Età : 26
    Occupazione : Studente
    Umore : Tranquillo
    Nick di KingsAge : Isper
    Data d'iscrizione : 09.10.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: No data

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da Dark Sertum il Ven Ago 15, 2008 10:27 pm

    Questo è soggettivo. Può non cambiare gli avvenimenti, ma serve a capire l'aspetto di un personaggio, e quindi tanto inutile non è. Poi francamente potrebbe piacere anche di più un personaggio se si hanno maggiori informazioni su di lui, e lo stesso vale per luoghi e oggetti.


    _________________
    « Il diritto alla proprietà privata, acquisita o ricevuta in giusto modo, non elimina l'originaria donazione della terra all'insieme dell'umanità. La destinazione universale dei beni rimane primaria, anche se la promozione del bene comune esige il rispetto della proprietà privata, del diritto ad essa e del suo esercizio. »
    (Catechismo della Chiesa cattolica, III, sez. ii, cap. 2, art. 7, 2403[1])
    avatar
    Ilcapo
    Scudiero

    Maschio Numero di messaggi : 234
    Età : 27
    Localizzazione : Sassari
    Occupazione : Studente
    Umore : Indefinibile!
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 12.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da Ilcapo il Sab Ago 16, 2008 8:16 pm

    IO dalle 200 in su! come detto da gli altri, tendo a cercare trilogie di libri. Ma a dire il vero non guardo solamente la grandezza di un libro! Più che altro, tendo a cercare libri conosciuti, recensiti da altri!

    virus
    Scudiero

    Maschio Numero di messaggi : 194
    Età : 26
    Localizzazione : sassari
    Occupazione : studente
    Nick di KingsAge : virusX
    Data d'iscrizione : 16.12.07

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti:

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da virus il Dom Ago 24, 2008 11:45 pm

    ma scusatemi un buon libro si può definire tale in base al numero delle pagine. Shocked Shocked

    Contenuto sponsorizzato

    Re: Il libro che scoraggia...

    Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


      La data/ora di oggi è Mer Ago 15, 2018 3:56 am