Autore alle prime armi o grande millantatore?

    Condividi
    avatar
    Lord Of Dwarf
    Contadino

    Maschio Numero di messaggi : 69
    Età : 24
    Localizzazione : Orgogliosamente Pisa
    Occupazione : Studente di magia nera.
    Umore : Normale
    Nick di KingsAge : Nickname in uso su KingsAge.
    Data d'iscrizione : 22.01.08

    Foglio dell'utente
    Nome acqf:
    N° avvertimenti: Principe

    Autore alle prime armi o grande millantatore?

    Messaggio Da Lord Of Dwarf il Gio Gen 24, 2008 8:55 pm

    La Terra di Venusia

    Il molo era denso di nebbia e sembrava una notte come le altre, alla banchina di Portusk:
    i topi andavano in qua e là a cercare da mangiare, i pescatori erano tornati dal mare già da molte ore prima, solo un uomo violava la normalità di quel tranquillo villaggio, a prima vista aspettava qualcosa e fissava intensamente un punto lontano da sé. L’uomo indossava un completo da cacciatore con pantaloni mimetici ed un cappello marrone sulla testa messo in modo da oscurargli il volto.
    Una nave arrivò, il suo profilo scuro si intravedeva nella nebbia, sul fianco c’era una scritta ma si vedeva solo la prima lettera del nome, una T dipinta d’oro.
    Finalmente l’uomo si risvegliò dalla catalessi in cui era caduto e guardò l’attracco della nave.
    Un carrello balzò giù dal pontile ed una donna uscì frettolosamente, mentre scendeva inciampò e cadde, il fagotto che teneva in braccio viene proiettato in aria ma il cacciatore riuscì a prenderlo in tempo.
    L’uomo si accorse subito che i vestiti della donna erano stati ridotti a brandelli e qua e là si intravedevano lividi e chiazze di sangue essiccato. L’uomo mise a terra il fagotto,distese la donna e ne controllò le ferite.Tutto il corpo era graffiato e in alcuni punti il sangue usciva in piccoli rivoletti.Si accorse che lei lo fissava intimorita e le disse<<Stia tranquilla ora la porto a casa e la medico.>>.Lei però fece cenno di no con la testa e con una flebile voce rispose<<No,non ce la faccio ad alzarmi e poi devo tornare con il piccolo ad Abcapitar.>dopo di che svenne.Il cacciatore era sempre più incuriosito da quella donna.Rivolse le sue attenzioni al neonato e ne osservò i lineamenti, stava dormendo.Il viso tondo e paffuto era roseo,gli zigomi normali,ma la cosa più strana era che il piccolo aveva le orecchie a punta. Caricato il pargolo e messa la donna sulle spalle si avviò senza difficoltà verso casa.Dopo qualche minuto giunse alla sua dimora modesta e aprì la porta. Superò il soggiorno e arrivò in camera.Distese la donna sul letto e col fagotto in mano aspettò che si svegliasse.
    Attese poco visto che dopo qualche istante la donna aprì gli occhi e si guardò attorno La prima cosa che vide fu il viso dell’uomo,che la guardava tranquillamente. L’uomo si alzò,andò a prendere un cesto con dei cuscini e dolcemente ci mise il bambino.La donna mormorò ancora timorosa <<Dove sono,chi sei tu e cosa vuoi?>>L’uomo si girò verso di lei<<Bè vediamo,sei a casa mia,mi chiamo Brummax e vorrei medicarti>> lo disse con voce sarcastica sorridendo.Lei non si rilassò e pensò”Sono in trappola e non posso uscire di qui eppure la scadenza per il ritorno e fra cinque giorni”.Brummax intanto si era avvicinato e le aveva chiesto<<Posso medicarti?>> lei ancora immersa nei suoi pensieri aveva risposto distrattamente di sì e si era stesa.Prima di tutto l’uomo le tolse i brandelli strappati e si accorse che sotto aveva un corpetto rotto e le chiese<<Per medicarti dovrei toglierti il corpetto ed esaminare le ferite,posso?>>Lei lo osservò bene e cerco di indovinare le sue intenzioni poi però si fidò e ripose ancora di sì. Brummax arrossendo glielo tolse e guardò le ferite.Su tutto il corpo c’erano evidenti segni di spada,molti erano secchi e bastò pulirli, tre o quattro invece stavano ancora sgorgando sangue. L’uomo le fascio il busto e le domandò<<Come te li sei procurati quei tagli?>>Lei gli disse la verità,visto che lui le ispirava inspiegabilmente fiducia,<<Ho duellato a fianco di mio fratello sulla nostra nave contro i pirati e li abbiamo respinti,loro sono fuggiti e mio fratello si è buttato nel Vortice profondo dove si erano nascosti i pirati.


    L ‘uomo rispose <<Ti ho vista cadere al molo e sono accorso a salvarti, ho preso per un soffio il fagotto che stava cadendo e ti ho portata qui,il pugnale è caduto in mare….purtroppo>>aggiunse poco dopo<<Chi sei?>>.La donna tornò in sé e rispose pacatamente<<Sono Xorniz,principessa di Abcapitar.Ero in viaggio con mio fratello , ma durante il ritorno da Skagel, una nave pirata ci ha attaccati e mio fratello è riuscito a trarmi in salvo, ma ha voluto inseguire i pirati nel loro covo e si è gettato nel vortice dove erano fuggiti i pirati scomparendo, con il bambino sono riuscita ad arrivare a Portusk, ma temo per la vita di mio fratello.>>.Detto questo si addormentò..
    Il giorno dopo Xorniz si svegliò e si allarmò quando in casa non trovò nessuno, uscì per cercare l’uomo ed il bambino,e li trovo nell’orto a passeggiare,ovviamente il neonato era in braccio all’uomo.
    La curiosità per l’uomo da parte di Xorniz aumentò nei momenti passati con lui.
    Alla fine quando raccoglievano ortaggi lei chiese all’uomo
    Affermiamo che la vita quotidiana in casa di Brummax era fatta di domande e risposte. Xorniz era,ogni giorno di più,attratta da Brummax,la sua espressione fiera e il volto da duro erano ipnotizzanti.Lei stava anche ore a fissarlo mentre lui coglieva le patate.
    Anche il bambino cresceva ,dopo due mesi dall’arrivo a casa di Brummax si era irrobustito,pur essendo un neonato di tre mesi o poco più.Al quarto mese del bambino, Xorniz decise di rivelare una cosa a Brummax,lo chiamò in disparte e gli parlò<<Non sono stata del tutto sincera con te,ero in viaggio con mio fratello ma avevo una missione,recuperare il neonato da dei miei amici a Skagel e ritornare ad Abcapitar il più presto possibile.Il bambino è nato verso mezzanotte alla luce della luna piena e secondo le profezie elfiche sarà colui che riporterà la pace su Venusia.>>Brummax fu colto di sorpresa ma disse in tono pacato<< Bisogna andare ad Abcapitar oggi stesso.Forse i soldati imperiali lo stanno cercando e se lo troveranno uccideranno noi due e il bambino.Recupera le tue cose e fuggiamo in fretta da Portusk…dimenticavo una cosa
    importante>>e la baciò.<<Ti amo anch’io>> rispose lei<<Se arriveremo ad Abcapitar sani e salvi ci sposeremo al palazzo di mio padre,il Re,che mi chiederà dove sono stata,gli dirò che ho compiuto la missione.>>Riordinate le cose e preso il bambino i due fuggirono fino alla stalla di Brummax a Portusk,dove presero due cavalli per andare più veloci che poterono verso Abcapitar, la capitale dell’isola di Xygra.Riuscirono ad arrivare fin lì e a sposarsi nella cattedrale della capitale...Rx

      La data/ora di oggi è Mer Giu 20, 2018 8:38 am